Alla scoperta degli Intonarumori

Era destino, perche’ i futuristi mi ronzavano da un po’ di settimane nelle orecchie, per colpa della mostra su Gino Severini a Parigi, e di un’antica e mai sopita passione per Palazzeschi.

Comunque, per cosi’ dire, sono finita dalla padella alla brace, con il concerto del mio amico Luciano Chessa alle Flaneries Musicales di Reims, sabato 4 luglio.

Luciano ha ricreato l’orchestra di intonarumori di Luigi Russolo del 1913, e non pago ha commissionato della musica nuova per loro. E non pago si e’ immaginato uno spettacolo in cui oltre che ascoltare, si mangia anche. Ovviamente cucina futurista.

E’ uno spettacolo ipnotico, e giustamente lo vogliono riprendere anche l’anno prossimo. Lo segnalero’ per tempo, perche’ di sicuro non avete mai vissuto niente di simile e ne vale la pena. Bravo Luciano!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Uncategorized. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Alla scoperta degli Intonarumori

  1. Leda ha detto:

    Un messaggio in bottiglia nell’orto futurista. Buonanotte, cara.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...